Lo sapevate? La camera oscura è attuale ancora oggi

Share this post

Lo sapevate? La camera oscura è attuale ancora oggi

Le fotocamere moderne, persino le DSLR più avanzate, altro non sono che un'evoluzione fisica della camera oscura. E questo gioco ottico era noto già agli antichi Greci.
Il termine "camera oscura" deriva dal latino (camera obscura) e, a dispetto del nome, il principio di funzionamento è abbastanza chiaro: quando la luce di un oggetto penetra in una scatola oscurata attraverso un piccolo foro, sulla parete posteriore della scatola viene proiettata l'immagine dell'oggetto. La concentrazione dei fasci di luce provenienti dall'oggetto fa sì che l'immagine riprodotta sulla parete posteriore della scatola sia non solo capovolta, ma anche invertita.
L'occhio umano funziona secondo lo stesso principio: il bulbo oculare è la camera oscura, la pupilla il piccolo foro, la retina la parete posteriore. Nella sua forma normale, tuttavia, l'immagine è in un primo momento sfocata, perciò la natura ha sviluppato nel corso dell'evoluzione il cristallino, una lente flessibile situata dietro la pupilla che concentra la luce, consentendo all'uomo di mettere a fuoco e vedere nitidamente gli oggetti. Tra l'altro, anche nell'uomo i segnali ottici arrivano alla retina invertiti – i neonati vedono tutto "al contrario", cosa che viene rapidamente corretta dal cervello.

Ottica di alta qualità per immagini superlative

Anche nella camera oscura e non da ultimo in ogni apparecchio fotografico, solo l'integrazione di una lente di vetro che concentra i fasci di luce assicura un'immagine nitida. Maggiore è la qualità di questo sistema ottico, migliore sarà la resa dell'immagine.
Per ottenere una messa a fuoco precisa e la massima nitidezza, occorre spostare la fotocamera o il soggetto nel punto focale della lente, che a sua volta dipende dalla lunghezza focale utilizzata. Nell'occhio umano la lente è flessibile ed è in grado di spostare da sé il punto focale grazie alla forza muscolare, mentre una camera oscura necessita di una lente che si muova lungo l'asse longitudinale – un obiettivo. Sostituendo ora la parete posteriore della camera oscura con una pellicola o un sensore d'immagine, si ottiene un semplice apparecchio fotografico. Se si tiene conto di questo principio e della qualità d'immagine attuale, appare presto evidente quale grande processo evolutivo si celi oggigiorno in ogni fotocamera nonché in ogni singolo obiettivo.

Principio di funzionamento di una semplice fotocamera (camera oscura). La qualità dell'immagine aumenta grazie a una lente di vetro. Un obiettivo di alta qualità, composto da un sistema complesso di lenti, permette di ottenere immagini superlative.

Illustration: Fouad A. Saad/Shutterstock.com

Articolo simile